Ciao - Correggio Insieme.  Associazione di Volontariato Onlus
PRIMO PIANO  |  FOTOGALLERY  |  CHI SIAMO  |  NEWS  |  COME SOSTENERCI  |  BILANCI E UTILIZZO 5X1000

Visita la nostra pagina
su Facebook

Calendario news
« Dicembre 0 »
DoLu MaMe GiVe Sa
   1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27
Le News di dicembre »
Tutte le News »


Le ultime news
16 agosto 2019
La cupola di cemento sui test atomici Usa nel Pacifico si sta sgretolando, e la ‘bara nucleare’ perde scorie radioattive nell’oceano »

Tra il 1946 e il 1962 l’esercito americano condusse 105 test nucleari atmosferici sul “Pacific Proving Grounds”, un eufemismo per chiamare le Isole Marshall e altri atolli del Sud Pacifico.

14 agosto 2019
La Russia sgombera Nenoska, il villaggio vicino al luogo dell'incidente nucleare: si teme una nuova Chernobyl »

Nonostante gli sforzi per tenere basso il livello di allarme, ieri le autorità russe hanno annunciato l'evacuazione del villaggio più vicino al luogo nel quale si è verificato l'incidente nucleare legato allo sviluppo di un nuovo tipo di missile.
27 luglio 2019
Chernobyl, i bambini dimenticati dei soggiorni terapeutici »

Chernobyl, i bambini dimenticati dei soggiorni terapeutici: "Accoglienza ai minimi storici"

Archivio »


News


Chernobyl, il mistero degli alberi ‘zombie'
12 maggio 2017

  Alberi, piante e foglie morte presso il sito contaminato non si decompongono né alterano alla normale velocità. Tutto è rimasto misteriosamente congelato nel tempo. Tim Mousseau, professore di biologia alla University of South Carolina e Anders Møller della Université Paris-Sud, hanno fatto delle indagini sulla biologia delle aree radioattive, sia di Chernobyl che di Fukushima, in Giappone.         
Gran parte del loro lavoro è stato svolto nella Foresta Rossa, la famigerata regione boscosa circostante Chernobyl, dove gli alberi si sono “trasformati”, assumendo  un colore bruno-rossastro inquietante prima di morire. I due scienziati hanno notato che i tronchi degli alberi sembravano sostanzialmente invariati, anche dopo un paio di decenni.

Per scoprire cosa stava succedendo agli alberi “zombie” o, più precisamente, ciò che non stava accadendo, il gruppo di ricerca ha raccolto centinaia di campioni del terriccio dai piani forestali che non erano stati contaminati dalle radiazioni e distribuendoli intorno alla zona di Chernobyl. Dopo di che hanno aspettato nove mesi. I risultati sono stati sorprendenti: i campioni collocati in zone altamente contaminate hanno mostrato il 40 per cento in meno di decomposizione di quelli collocati in luoghi incontaminati. Il grado di decadimento era proporzionale al grado di contaminazione radioattiva in ogni sito.

La radiazione è nota per avere effetti dannosi sui microrganismi come batteri e funghi. Recenti ricerche hanno trovato che la terapia con radiazioni può causare gravi complicazioni nei pazienti affetti da cancro, riducendo le popolazioni di batteri utili nell’intestino. Mousseau e altri ricercatori sono preoccupati che l’accumulo di foglie morte sul suolo della foresta rappresenti un pericolo reale. “C’è crescente preoccupazione che ci potrebbe essere un incendio catastrofico nei prossimi anni”, ha detto Mousseau. In caso di un incendio boschivo, 28 anni di foglie non decomposte fornirebbe un combustibile ideale per il fuoco, che potrebbe poi diffondere radiazioni in tutta la regione.

FONTE: LIVE SCIENCE 

Condiviso da: www.diregiovani.it


« Torna alla lista


CIAO - CORREGGIO INSIEME - Associazione di Volontariato Onlus
Iscritta al Registro Provinciale del Volontariato PROT. N. 45368/21/2007
Via Timolini 27 - 42015 Correggio (RE) - C.F. 91132090357, Cell. 370-3101757 - 333-3256352
www.correggioinsieme.it - correggioinsieme@gmail.com
Privacy policy - powered by Antherica Srl