Ciao - Correggio Insieme.  Associazione di Volontariato Onlus
PRIMO PIANO  |  FOTOGALLERY  |  CHI SIAMO  |  NEWS  |  COME SOSTENERCI  |  BILANCI E UTILIZZO 5X1000

Visita la nostra pagina
su Facebook

Calendario news
« Ottobre 2019 »
DoLu MaMe GiVe Sa
  1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31
Le News di ottobre »
Tutte le News »


Le ultime news
16 agosto 2019
La cupola di cemento sui test atomici Usa nel Pacifico si sta sgretolando, e la ‘bara nucleare’ perde scorie radioattive nell’oceano »

Tra il 1946 e il 1962 l’esercito americano condusse 105 test nucleari atmosferici sul “Pacific Proving Grounds”, un eufemismo per chiamare le Isole Marshall e altri atolli del Sud Pacifico.

14 agosto 2019
La Russia sgombera Nenoska, il villaggio vicino al luogo dell'incidente nucleare: si teme una nuova Chernobyl »

Nonostante gli sforzi per tenere basso il livello di allarme, ieri le autorità russe hanno annunciato l'evacuazione del villaggio più vicino al luogo nel quale si è verificato l'incidente nucleare legato allo sviluppo di un nuovo tipo di missile.
27 luglio 2019
Chernobyl, i bambini dimenticati dei soggiorni terapeutici »

Chernobyl, i bambini dimenticati dei soggiorni terapeutici: "Accoglienza ai minimi storici"

Archivio »


News


Mostra fotografica "CHERNOBYL PRESENTE" di Erik Messori
30 aprile 2016

clicca l'immagine per ingrandirla
Apertura mostra sabato 15,30 - 18,30

Nemmeno la questione urgentissima della messa in sicurezza della centrale di Chernobyl è stata risolta e si è tutt’ora alle prese con i lavori di costruzione del nuovo sarcofago. Il reattore in pessime condizioni è infatti una vera bomba a orologeria che deve essere subito disinnescata. Dentro il reattore ci sono ancora 400 kg di Plutonio, oltre 100 tonnellate di combustibile nucleare e centinaia di migliaia di metri cubi di detriti che rimarranno radioattivi per 10.000 anni.
Si sta faticosamente costruendo un nuovo sarcofago per seppellire il dolore di Chernobyl e tornare a sperare nella sicurezza, almeno per una qualche decina d’anni (si presume che il nuovo sarcofago potrà resistere tra gli 80/100 anni massimo). Pesante 20.000 tonnellate a alto 108 metri, il nuovo sarcofago verrà assemblato su un’area contigua per poi esser fatto scivolare sulla vecchia struttura in cemento, che dall’86 sigilla i resti del reattore numero 4, ma che da allora ha iniziato a creparsi
“A causa dei lavori di costruzione – spiega Yuri Andreyev dell’associazione Soyuz Chernobyl – gli operai hanno dovuto scavare fino a dove si trova il combustibile nucleare. Ciò ha provocato un innalzamento del livello di radioattività nell’aria. Durante i lavori il livello di radioattività potrebbe superare la soglia di tolleranza centinaia, forse anche migliaia di volte”.
Gli esperti affermano che il progetto per la messa in sicurezza del reattore non risolve il problema principale di Chernobyl: le scorie all’interno.
Attualmente non c‘è alcun modo di raggiungerle e immagazzinarle in maniera più sicura.

« Torna alla lista


CIAO - CORREGGIO INSIEME - Associazione di Volontariato Onlus
Iscritta al Registro Provinciale del Volontariato PROT. N. 45368/21/2007
Via Timolini 27 - 42015 Correggio (RE) - C.F. 91132090357, Cell. 370-3101757 - 333-3256352
www.correggioinsieme.it - correggioinsieme@gmail.com
Privacy policy - powered by Antherica Srl