Ciao - Correggio Insieme.  Associazione di Volontariato Onlus
PRIMO PIANO  |  FOTOGALLERY  |  CHI SIAMO  |  NEWS  |  COME SOSTENERCI  |  BILANCI E UTILIZZO 5X1000

Visita la nostra pagina
su Facebook

Calendario news
« Ottobre 2019 »
DoLu MaMe GiVe Sa
  1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31
Le News di ottobre »
Tutte le News »


Le ultime news
16 agosto 2019
La cupola di cemento sui test atomici Usa nel Pacifico si sta sgretolando, e la ‘bara nucleare’ perde scorie radioattive nell’oceano »

Tra il 1946 e il 1962 l’esercito americano condusse 105 test nucleari atmosferici sul “Pacific Proving Grounds”, un eufemismo per chiamare le Isole Marshall e altri atolli del Sud Pacifico.

14 agosto 2019
La Russia sgombera Nenoska, il villaggio vicino al luogo dell'incidente nucleare: si teme una nuova Chernobyl »

Nonostante gli sforzi per tenere basso il livello di allarme, ieri le autorità russe hanno annunciato l'evacuazione del villaggio più vicino al luogo nel quale si è verificato l'incidente nucleare legato allo sviluppo di un nuovo tipo di missile.
27 luglio 2019
Chernobyl, i bambini dimenticati dei soggiorni terapeutici »

Chernobyl, i bambini dimenticati dei soggiorni terapeutici: "Accoglienza ai minimi storici"

Archivio »


News


Mostra fotografica "CHERNOBYL PRESENTE" di Erik Messori
23 aprile 2016

clicca l'immagine per ingrandirla
Apertura mostra domenica 10,00-12,30 e 15,30 - 18,30

L’Unione Sovietica era assolutamente sprovvista di un piano di emergenza e ciò che fu fatto avvenne all’insegna della pura improvvisazione.
Molti "liquidatori" (operai inesperti e privi di qualsiasi tipo di protezione, che manualmente, con terra o con acqua, tentarono di spegnere l’incendio), essendo stati esposti a radiazioni dirette, morirono nel giro di poco tempo.
In seguito il reattore fu sigillato con un sarcofago di cemento.
Purtroppo, però, questa protezione oggi presenta delle crepe e, soprattutto, essendo troppo pesante tende ad abbassare di alcuni metri l’intera struttura con il rischio di inquinare sia il suolo che le falde acquifere sottostanti.
Se ciò avvenisse lo stesso Mar Mediterraneo potrebbe esserne coinvolto, visto che le falde acquifere conducono al fiume Dnepr, che sfocia nel Mar Nero.
Difficile quantificare la portata di questa immane tragedia, l’entità della devastazione ambientale di cui fu causa, e le vite umane che cancellò immediatamente dopo l’esplosione, e negli anni a venire, per l’effetto nefasto della nube radioattiva.

« Torna alla lista


CIAO - CORREGGIO INSIEME - Associazione di Volontariato Onlus
Iscritta al Registro Provinciale del Volontariato PROT. N. 45368/21/2007
Via Timolini 27 - 42015 Correggio (RE) - C.F. 91132090357, Cell. 370-3101757 - 333-3256352
www.correggioinsieme.it - correggioinsieme@gmail.com
Privacy policy - powered by Antherica Srl