Ciao - Correggio Insieme.  Associazione di Volontariato Onlus
PRIMO PIANO  |  FOTOGALLERY  |  CHI SIAMO  |  NEWS  |  COME SOSTENERCI  |  BILANCI E UTILIZZO 5X1000

Visita la nostra pagina
su Facebook

Calendario news
« Ottobre 2019 »
DoLu MaMe GiVe Sa
  1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31
Le News di ottobre »
Tutte le News »


Le ultime news
16 agosto 2019
La cupola di cemento sui test atomici Usa nel Pacifico si sta sgretolando, e la ‘bara nucleare’ perde scorie radioattive nell’oceano »

Tra il 1946 e il 1962 l’esercito americano condusse 105 test nucleari atmosferici sul “Pacific Proving Grounds”, un eufemismo per chiamare le Isole Marshall e altri atolli del Sud Pacifico.

14 agosto 2019
La Russia sgombera Nenoska, il villaggio vicino al luogo dell'incidente nucleare: si teme una nuova Chernobyl »

Nonostante gli sforzi per tenere basso il livello di allarme, ieri le autorità russe hanno annunciato l'evacuazione del villaggio più vicino al luogo nel quale si è verificato l'incidente nucleare legato allo sviluppo di un nuovo tipo di missile.
27 luglio 2019
Chernobyl, i bambini dimenticati dei soggiorni terapeutici »

Chernobyl, i bambini dimenticati dei soggiorni terapeutici: "Accoglienza ai minimi storici"

Archivio »


News


Mostra fotografica "CHERNOBYL PRESENTE" di Erik Messori
9 aprile 2016

clicca l'immagine per ingrandirla
Apertura mostra sabato 15,30 - 18,30

Solo nel 2015 ben tre incendi sono scoppiati all’interno della “zona di esclusione” della centrale nucleare (la zona di esclusione di Chernobyl si estende su 2.600 Km2 intorno alla centrale, ed è una tra le più contaminate dalla radioattività in tutto il mondo, in cui non dovrebbero vivere persone). Uno ad aprile, uno a giugno ed uno ad agosto, ma dal 1993 al 2015 si sono sviluppati nella “zona” bel 1.200 incendi. 

Greenpeace ha stimato che gli incendi nei boschi attorno alla centrale nucleare di Chernobyl «rischiano di causare una notevole dispersione di radioattività». A causa della notevole contaminazione delle foreste e dei terreni attorno alla centrale, ha affermato l'associazione ambientalista, «i quantitativi totali di materiali radioattivi rilasciati da questi incendi potrebbero essere potenzialmente equivalenti a quelli di un incidente nucleare rilevante». Sulle foreste e sui terreni attorno alla centrale si sono depositati, infatti, quantitativi notevoli di sostanze radioattive molto pericolose come il cesio 137, lo stronzio 90 e il plutonio 239.

 «La radioattività è rilasciata in atmosfera dai fumi degli incendi e dispersa a seconda dell'andamento dei venti, dall'altezza del pennacchio di fumo e da altri fattori meteorologici con inevitabile diffusione di aerosol radioattivi. In incendi precedenti la radioattività è arrivata fino alla Turchia.

Sulla base di dati satellitari, gli esperti di Greenpeace hanno stimano che gli incendi abbiano interessato un'area complessiva di circa 13.300 ettari, di cui 4.100 ettari sono effettivamente andati a fuoco». Ad aprile per poco non era accaduta una grande tragedia: il fuoco è riuscito a fermarsi solo a cinque chilometri dal sarcofago "Burjakovka". L’incendio ha sollevato in aria radionuclidi che si sono diffusi nei paesi vicini, in particolare in Bielorussia (in cui il pennacchio radioattivo è penetrato, in maniera composita, per oltre 60 km nella provincia di Narovlja).


« Torna alla lista


CIAO - CORREGGIO INSIEME - Associazione di Volontariato Onlus
Iscritta al Registro Provinciale del Volontariato PROT. N. 45368/21/2007
Via Timolini 27 - 42015 Correggio (RE) - C.F. 91132090357, Cell. 370-3101757 - 333-3256352
www.correggioinsieme.it - correggioinsieme@gmail.com
Privacy policy - powered by Antherica Srl